Società trasparente

 

 
Non ci sono aggiornamenti disponibili
Vai all'archivio News

Fondo di Capitale di Rischio - Misura 4.5 Sovvenzione Globale 89/93

Fondo di Capitale di Rischio - Misura 4.5 Sovvenzione Globale 89/93

Sintesi generale
Il 18 giugno 1993 la Commissione delle Comunità Europee approva il contributo finanziario di 8,404 Mio di Ecu (£ 16.063.799.158), sotto forma di  Sovvenzione Globale per la costituzione di un fondo CEE – CEII Systema (ora Sviluppo Basilicata) per la creazione e lo sviluppo di PMI operanti in Basilicata in conformità agli Assi prioritari 2.2 e 2.3 “Aiuti all’artigianato e alla PMI” e “Aiuti ai servizi alle imprese” del QCS Basilicata.

Il 16 settembre dello stesso anno la società sottoscrive con la Commissione CEE DG XVI Politiche Regionali la Convenzione concernente gli aspetti attuativi delle sovvenzione globale per operazioni di “capitale di avviamento” (seed capital) e di capitale di avvio (start up capital) in PMI operanti in Basilicata.

Finalità:
Costituzione del capitale di rischio per l’avvio d’impresa (start up capital) o per l’innovazione di prodotto e/o di processo (seed capital) al fine di promuovere la creazione e lo sviluppo di aziende competitive e di contribuire direttamente allo sviluppo ed all’innovazione del tessuto imprenditoriale locale.

Destinatari della Misura:
PMI lucane secondo la definizione comunitaria aventi forma giuridica di società di capitali (S.r.l., S.p.A., S.a.p.A, Soc. Coop.).

Modalità di intervento:
L’importo finanziabile per ogni singolo intervento è stato di max L. 650.000.000.
Le partecipazioni, regolate da appositi patti parasociali, sono state comprese entro il limite massimo del 49% del capitale sociale con una durata massima di 10 anni.

Risultati
Attività espletate

  • Informazione e comunicazione
  • Istruttoria del Comitato Tecnico
  • Selezione
  • Partecipazione
  • Monitoraggio (monitoraggio gestionale tramite l’attuazione di check up aziendali che forniscono dati significativi sulla vita delle imprese; il controllo istituzionale tramite i rappresentati della società nei CdA delle partecipate; la guida e l’assistenza per la soluzione dei problemi di ordine organizzativo, economico e finanziario delle aziende e la stesura di un regolamento delle partecipazioni).

Risultati

  • Al 31.12.97 risultano partecipate 17 società
  • Check up effettuati: n. 130
  • Assistenza finanziaria in 10 aziende
  • Pianificazione strategica e business planning in 7 aziende
  • Ricerca Partner e consulenti (area commerciale e tecnologica) in 7 aziende
  • Supporto all’organizzazione direzionale in 6 aziende
  • Link con mis. 4.3 in 6 aziende.
  • I risultati complessivi ottenuti dalle aziende partecipate dopo l’ingresso del BIC registrano trend positivi sia in relazione al fatturato globale che all’occupazione

Interventi finanziati

  • Progetti di avviamento di impresa (start up): 2 aziende
  • Progetti di innovazione di prodotto (seed capital): 8 azienda
  • Progetti di innovazione di processo (seed capital): 7 aziende

Dismissioni: n. 17

Problematiche: Tutela di 2 partecipazioni: esperimento di giudizi arbitrali nei confronti dei soci di 2 società partecipate,conclusi nell’anno 2005 con lodi arbitrali che hanno disposto il trasferimento delle quote sociali delle predette Società di proprietà di Sviluppo Basilicata in capo agli altri soci, condannando quest’ultimi al pagamento del corrispettivo. Sono tutt’ora in corso procedimenti esecutivi a danno dei predetti soci volti al recupero coatto delle somme indicate nei lodi arbitrali.

RISORSE DA SCARICARE: